Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin

B074QXRKZS
Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin
  • schoenen
  • kon
  • geïmporteerd
  • synthetische zool
  • platform meet ongeveer 0,75 inch inches
  • voetbed van traagschuim voor comfort de hele dag door
  • klittenbandsluiting voor een comfortabele pasvorm
  • mesh voering
Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin Nunn Bush Mens Rio Grande Gesloten Teen Visser Sandaal Bruin

I quattro erano stati arrestati dalla Guardia di finanza Aisun Dames Schattig Comfy Lakleer Ronde Neus Gesp Platform Hakken Jurk Wedge Mid Hielen Maryjane Pumps Schoenen Wit
, a Recco (Genova), dove era stata passata la busta coi soldi. Secondo i militari delle fiamme gialle, coordinati dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e dal sostituto Massimo Terrile, quella mazzetta era un «acconto» di una tangente più grande per agevolare la transazione che la Securpol doveva discutere l’indomani. La società aveva un debito di 20 milioni con il Fisco. Alla cena partecipò anche il commercialista genovese Stefano Quaglia che secondo gli inquirenti era il «facilitatore» dell’operazione, e che venne solo denunciato. Per gli inquirenti, Pardini avrebbe assicurato ai tre consulenti che si sarebbe occupato della vicenda, facendo ottenere uno sconto notevole.

L’inchiesta era nata dopo il trasferimento della sede della Securpol a Genova  senza alcun apparente motivo : questo aveva portato gli investigatori anche ad usare intercettazioni telefoniche e ambientali per capire il motivo del trasferimento. Ciò ha permesso di scoprire le ragioni e il caso di corruzione. Dopo l’arresto Pardini era stato sospeso. Il pm ha chiesto il giudizio immediato per i quattro, mentre sono ancora al vaglio degli inquirenti altre transazioni di cui Pardini si era occupato. Per gli investigatori quello non sarebbe stato l’unico episodio corruttivo e per questo avevano sequestrato tutta la documentazione dai suoi uffici. Il direttore, originario di Livorno, era arrivato a Genova due anni fa.

Si dimette il sottosegretario al lavoro Cassano (Ap) 
Intanto il governo Gentiloni continua a perdere pezzi. Dopo  le dimissioni del ministro per gli Affari regionali  Enrico Costa  il 19 luglio, sono arrivate anche quelle di un altro esponente di spicco di Alternativa popolare (Ap). Le ha annunciate in una nota il senatore Massimo Cassano, «a far data da oggi» dall’incarico di Sottosegretario al Lavoro. È dato per imminente il suo passaggio a Forza Italia, nonostante le parole di Berlusconi a La7. La notizia è arrivata nel giorno in cui Ap ha perso un altro pezzo da 90. Con il presidente della commissione Finanze della Camera Maurizio Bernardo che ha lasciato il gruppo parlamentare per aderire a quello del Pd.

Dailyshoes Dames Militaire Veter Gesp Enkellaarsjes Middenkalf Opvouwbare Exclusieve Creditcardzak Witbruin Pu

Anne Marie Glory1 Comfortabele Tband Voor Vrouwen Tstrap Platte Slipper Met Strandsandalen Blauw 75

Cassano passa a Forza Italia 
Le dimissioni di Costa e Cassano dal governo sono foriere di imminenti cambi di gruppo. Cassano passerebbe direttamente a Forza Italia. Domani è prevista una conferenza stampa del partito in Puglia in cui si annunciano «importanti novità». Ma il presidente dei senatori di FI,  Paolo Romani , ha già espresso la sua soddisfazione per un arrivo dato per scontato. «Non posso che accogliere con grande favore e sentito apprezzamento - dichiarato - il ritorno di un politico di un senatore, dell'esperienza e del valore di Massimo Cassano tra le fila di Forza Italia e del gruppo parlamentare che rappresento». Nel caso di Costa è probabile il passaggio per ora nel misto (che con i suoi 63 membri è ormai la terza forza politica a Montecitorio dopo i 283 deputati del Partito democratico e gli 88 del Movimento 5 stelle) in attesa che nasca la famosa “quarta gamba” del centrodestra (nome in pole “Italia civica”) ipotizzata da Berlusconi per accogliere i «transfughi».